XXXV Congresso SIA - Milano, 7 e 8 novembre 2015

A novembre si svolgerà a Milano il 35° Congresso della Società Italiana Agopuntura. Il tema di quest'anno è la prevenzione.

Il concetto del mantenersi in salute, con le relative tecniche, è uno dei principi più importanti della Medicina Cinese. Wei Sheng, protezione della vita, è una parola cinese di più di 2.000 anni, per la prima volta utilizzata nel libro Zhuangzhi (Maestro Zhuang).

Tutti i medici famosi del passato, autori di testi antichi, da Hua Tuo a Tao Hongjing, da Sun Simiao a Li Dong yuan, da Zhu Danxi a Li Shizhen, ma anche personaggi quali Lao Zi e Confucio, attraversando un periodo temporale che interessa tutte la dinastie, si sono interessati alle problematiche del mantenimento della salute. Il tema viene attraversato in molti dei suoi aspetti dai vari relatori.

Scarica la brochure

-----------------------------

Un invito come relatore al Congresso 2015 dell'Associazione Francese di Agopuntura

L'AFA (Association Française Acupuncture) mi ha invitato come relatore al loro prossimo congresso nazionale che avrà per titolo I Punti Jing-Pozzo e che si terrà Pont-a-Masson in Francia dal 2 al 5 novembre.

E' per me un grande onore!

Essere nella tavola rotonda a fianco a personaggi del calibro di Gilles Andrés e Jean Marc Kespì, che sono, per me,  dei miti viventi fin da quando ero un ragazzo, mi genera non poca emozione.

Ringrazio Gilles che mi ha voluto con loro.

Scarica il programma dell'evento

_____

La saggezza dell'oriente nel telo funerario del Mawangdui: Seminario SIA a cura di Alberto Lomuscio

Il rinvenimento delle tombe di epoca Han a Mawangdui, nella città di Changsha (capoluogo dell’attuale provincia dello Hunan, nella Cina meridionale), rappresenta una delle grandi scoperte avvenute nel XX secolo in Cina. Tra il 1972 e il 1974 gli archeologi cinesi portarono alla luce un insieme di sepolture appartenenti alla famiglia di Li Cang, Marchese di Dai e primo ministro dello Stato di Changsha. Una scoperta che ebbe inizio in maniera del tutto fortuita, in seguito ad una serie di scavi realizzati per un rifugio sotterraneo, e grazie al manifestarsi di cosiddetti “fuochi fatui”. Le tre tombe ritrovate contenevano al loro interno più di 3000 oggetti, tra cui lacche, ceramiche, bronzi, sete, e giade, i quali sono in grado di testimoniare degli eccellenti risultati raggiunti a livello artistico e culturale e di offrire uno spaccato della società cinese in epoca Han. L’immenso valore dei reperti svelati e soprattutto il ritrovamento di una salma completamente integra ha fatto sì che gli esperti paragonassero questa scoperta alla “tomba di Tutankhamon” in Egitto.

La salma della Marchesa di Dai è la prima e la più antica salma al mondo ritrovata ancora completamente integra, non completamente disidratata e con i tessuti non ancora del tutto rigidi.
Mawangdui era il luogo di sepoltura della famiglia del Marchese di Dai. Qui furono sepolti Li Cang, il primo marchese di Dai, sua moglie Xin Zhui e uno dei loro figli. Tra i reperti venuti alla luce spiccano le sete raffinatissime ed eleganti, come il tessuto di mussola variopinto stampato con motivo decorativo fitomorfo e quello in garza di seta stampato con un motivo decorativo a fiammelle, dimostrazione unica dei risultati raggiunti nella manifattura tessile, e ricordati perfino da Plinio il Vecchio, che li descrive come “tessuti di provenienza celeste”. Ma oltre a ricostruire uno spaccato di vita quotidiana, attraverso contenitori, specchi in bronzo, pettini in legno, pinzette in osso e altri materiali, i reperti rimandano l’eco di una realtà storica e filosofico-religiosa straordinaria. Lo Stendardo funerario in seta dipinta a forma di T ci restituisce infatti l’immagine cosmogonica che avevano a quel tempo i cinesi, descrivendoci la loro idea della vita dopo la morte e il desiderio di immortalità che li guidava. Diviso in tre zone, raffiguranti i piani di esistenza celeste, terrena e infera, presenta al centro la Marchesa di Dai appoggiata ad un bastone, in una raffigurazione pittorica dove realtà, fantasia e mitologia si armonizzano tra loro.
In realtà, il drappo funerario, universalmente conosciuto come Telo di Mawangdui, descrive con poche immagini e in maniera magistrale l’essenza più profonda della filosofia Taoista, capace di delineare i princìpi fondanti del Creato, ancor oggi attuali, proprio perché eterni e al di fuori della dimensione del tempo: il seminario verterà sull’analisi dei simboli e degli archetipi presenti sul telo funerario, con tutte le inevitabili connessioni e correlazioni con la nostra filosofia occidentale e anche con la moderna fisica quantistica.

Scarica la locandina

----------------------------

Fisiopatologia Energetica del Rene/Shen e Vescica/Panguang: disponibili le slides

E' disponibile il materiale didattico del corso di Fisiopatologia Energetica del Rene/Shen e Vescica/Panguang tenuto per la scuola dell'Accademia Italiana di Medicina Cinese.

Il file è disponibile per gli utenti registrati sul sito

Scarica il file: Fisiopatologia Energetica del Rene/Shen e Vescica/Panguangai

_____

Professore incaricato dell'insegnamento di Medicina Generale/ Medicina di Famiglia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi dell'Aquila
<<<<>>>>